EFFICIENZA ENERGETICA

Il potenziamento della rete ferroviaria gestita da FERROVIENORD S.p.A., l'aumento dei servizi ferroviari di oltre il 30% e l'aumento della potenza specifica della nuova flotta, hanno comportato un notevole aumento dei consumi di energia.Tuttavia, l'azienda profonde grande impegno e determinazione per migliorare la propria efficienza energetica.

Tra gli obiettivi che si intendono perseguire nel breve e medio periodo:

  1. uno sviluppo del traffico ferroviario compatibile con l'ambiente;
  2. un costo dell'energia di trazione competitivo per le Imprese Ferroviarie che accedono alla rete;
  3. la riduzione dei consumi energetici degli impianti e dei costi di manutenzione degli stessi;
  4. il ricorso al mercato dell'energia attraverso gare che valorizzino il profilo di assorbimento giornaliero della ferrovia e razionalizzino i punti di  fornitura;
  5. il ricorso a fonti rinnovabili;
  6. Interventi relativi all'ottenimento di Certificati Bianchi o Titoli di Efficienza Energetica.

Per raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica stabiliti, FERROVIENORD S.p.A. ha già messo in campo varie iniziative, alcune delle quali sono di seguito sintetizzate.

PROTOTIPO PER IL RECUPERO DI ENERGIA DI FRENATA:

FERROVIENORD S.p.A. sta sviluppando in collaborazione con il Politecnico di Milano un progetto di recupero dell'energia che sfrutta la tecnologia dei "super-condensatori". L'obiettivo è quello di realizzare un impianto con tecnologia reversibile per recuperare l'energia in frenata dei treni che soddisfi i fabbisogni della stazione in cui è installato l'impianto. E' stato progettato un sistema di recupero dell'energia di 2 MW da installarsi nella Sottostazione Elettrica di Milano Bovisa.

Il principio alla base del funzionamento è quello dell'accumulo elettrostatico, che permette di accumulare elevati picchi di potenza in tempi ridotti così da ottenere il vantaggio del recupero  di energia in frenata in tempi rapidissimi.

I risparmi potenziali si attestano sulle seguenti cifre:

  • su rete FERROVIENORD S.p.A., l'energia recuperabile sarà pari a circa 12 GWh/anno, con un riduzione della produzione di CO2 pari a       52.000 tonnellate/anno;
  • se il sistema fosse applicato su tutta la rete nazionale i risparmi arriverebbero addirittura a 540 GWh/anno, con un riduzione della produzione di CO2 di 2.340.000 tonnellate/anno.

Con questo progetto innovativo FERROVIENORD S.p.A. esprime un'alta professionalità tecnologica e manageriale nel settore delle infrastrutture ferroviarie unita ad una forte sensibilità ai temi ambientali.

FERROVIENORD ha avviato lo studio per l'ottenimento di Certificati Bianchi o Titoli di Efficienza Energetica.

ADOZIONE TECNOLOGIA A LED:

La sostituzione delle lampade a fluorescenza di stazioni, banchine e altri sottopassi con luci a tecnologia LED. Il guadagno più sensibile si ha però nella vita media delle lampade che passa da 12.000 ore a 50.000 ore, riducendo così i costi e i rifiuti prodotti. Questo si traduce in una riduzione dei consumi del 50% e dei costi di manutenzione del 75%.

RESISTENZE AUTOREGOLANTI PER I DEVIATOI:

Il riscaldamento dei deviatori a manovra elettrica, nelle nuove istallazioni, avviane grazie a cavi riscaldanti termoregolanti. Questa tecnologia permette una maggiore efficacia del riscaldamento, inoltre la resistenza aumenta con la loro temperatura, riducendo così la corrente assorbita e di conseguenza i consumi. Ciò porta a una riduzione del 40% dei consumi.

IMPIANTI FOTOVOLTAICI:

E' attivo da alcuni anni un impianto fotovoltaico da circa 3kW picco installato sulla copertura della stazione di Milano Bovisa. Questo impianto alimenta parte degli spogliatoi e la biglietteria della stazione. E' stato inoltre attivato un impianto fotovoltaico da 5kW, anch'esso pilota, sulla guardiola del parcheggio del nuovo impianto di manutenzione rotabili di Camnago.

Sono in corso, infine, i lavori per l'installazione di un impianto fotovoltaico della potenza di 45kW sulle pensiline della stazione di Cesate, con l'obiettivo di ottenere la copertura totale dei fabbisogni della stazione, esclusi gli ascensori. A seguire, si procederà ad installare pannelli fotovoltaici su tutte le stazioni della tratta Bovisa-Saronno, giungendo così ad una produzione tra i 450 e i 900 kW di potenza.